SCIENZE BIOLOGICHE

Opinioni Studenti SCIENZE BIOLOGICHE

StrutturaDIPARTIMENTO DI CHIMICA E BIOLOGIA
Anno Accademico2015/2016
Tipo di CorsoCORSO DI LAUREA
NormativaD.M. 270/2004
Anni3
Crediti180
ClasseL-13 - Classe delle lauree in Scienze biologiche

Il Corso di Laurea in Scienze Biologiche si pone come obiettivo specifico quello di formare una figura professionale che abbia acquisito conoscenze teorico-pratiche di base relativamente ai processi biologici a livello molecolare, sopramolecolare, cellulare in ambito microbico, vegetale ed animale fino all'uomo. Il laureato dovrà acquisire competenze operative e tecnico-applicative in campo biologico per svolgere attività di supporto in settori produttivi e tecnologici, in laboratori di ricerca e di analisi. In definitiva, la professionalità dei laureati si baserà su una preparazione caratterizzata da conoscenze di base e aspetti metodologici, privilegiando così l' accesso a successivi percorsi di studio, senza tuttavia ostacolare l'accesso diretto al mondo del lavoro.

La laurea in Scienze Biologiche costituisce la base culturale fondamentale per proseguire gli studi in un corso di Laurea Magistrale coerente. In alternativa, il laureato in Scienze Biologiche potrà accedere direttamente al mondo del lavoro per svolgere attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione: in industrie che operano nel settore biologico, farmaceutico, cosmetico, ambientale, agroalimentare e dell'acquacoltura; in enti di ricerca; nella protezione ambientale; nei parchi e in riserve naturali.

Il CdS in Scienze Biologiche è stato attivato per la prima volta nell'ateneo salernitano nell' a.a. 2006-2007. Nell' a.a. 2010-2011 è stato attivato presso l'Università di Salerno il primo anno della Laurea in Scienze Biologiche conforme all'ex D.M. 270. Nell' a.a. 2013-2014 è stato attivato presso l'Università di Salerno il primo anno della Laurea in Scienze Biologiche conforme al D.M. 47/2013. Nell' a.a. 2014-2015 è stato attivato il secondo anno della Laurea in Scienze Biologiche conforme al D.M. 47/2013, mentre per il terzo anno è stata mantenuta la conformità all'ex D.M. 270. Nell' a.a. 2015-2016 sarà attivato il terzo anno della Laurea in Scienze Biologiche conforme al D.M. 47/2013.

Per quanto riguarda le risorse, gli studenti del CdS hanno a disposizione, oltre alle aule nelle quali si svolgono le lezioni frontali e i laboratori didattici per le esercitazioni, anche tre sale studio presenti in Facoltà, sale studio presenti nella nuova Biblioteca del polo scientifico e un punto internet. Nel campus di Fisciano ove è ubicato il CdS sono inoltre presenti mense, attrezzature sportive, teatri, sale conferenze accessibili agli studenti, e alloggi per ospitare gli studenti fuori sede.

Per accedere al CdS in Scienze Biologiche lo studente deve possedere il diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo. Deve avere capacità logiche deduttive e le conoscenze di base della matematica che normalmente fornisce la scuola superiore. Il CdS in Scienze biologiche è a numero programmato. Le caratteristiche della prova d'accesso e le modalità per iscriversi sono indicate nel relativo bando. Il Corso di laurea è articolato in un unico curriculum. L'attività didattica è organizzata in modo da richiedere annualmente allo studente 1500 ore di lavoro di apprendimento, di cui almeno i 3/5 sono riservati allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale. La didattica del Corso di laurea è articolata per ciascun anno di corso in semestri (I semestre: ottobre-febbraio; II semestre: marzo-luglio). I corsi sono organizzati con un numero variabile di CFU che sono coperti mediante lezioni ed esercitazioni frontali, o tramite attività di laboratorio. Tra le attività formative sono previsti tirocini o attività pratiche equivalenti. Il tirocinio può essere interno o esterno ed è organizzato, dal punto di vista burocratico, dall'Ufficio Stage della Facoltà.

Biologo e Professioni Assimilate

Funzione nel contesto lavorativo

Il Biologo della laurea triennale conduce ricerche su concetti e teorie fondamentali nel campo della biologia e della genetica, incrementando la conoscenza scientifica in materia, e applicandola in attività di ricerca e nelle sperimentazioni di laboratorio. Studia le basi della vita animale e vegetale, le sue origini, i sistemi di relazione, le modalità di sviluppo e di evoluzione, le strutture genetiche e la possibilità di modificarle. Applica e rende disponibili le sue conoscenze nella produzione di beni e servizi.

Competenze associate alla Funzione

Il Biologo è una figura professionale che ha acquisito conoscenze teorico-pratiche di base relativamente ai processi biologici a livello molecolare, sopramolecolare, cellulare in ambito microbico, vegetale ed animale fino all'uomo. Il Biologo ha acquisito competenze operative e tecnico-applicative in campo biologico per svolgere attività di supporto in settori produttivi e tecnologici, in laboratori di ricerca e di analisi. Il Biologo è in grado di effettuare analisi biologiche, chimiche, microbiologiche e genetiche. Può coordinare le attività e gestire l'organizzazione di un laboratorio, validare referti e esiti di analisi, condurre ricerche in campo biologico.

Sbocchi Professionali

Il Biologo della laurea triennale può accedere a percorsi di studio di secondo ciclo (laurea magistrale coerente, Master di primo livello). Può iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, all' Albo B dell' Ordine Nazionale dei Biologi con il titolo professionale di Biologo junior, per lo svolgimento delle attività previste. I principali sbocchi occupazionali sono rappresentati da attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione in industrie, aziende sanitarie, enti di ricerca, laboratori, parchi e riserve naturali.

Botanico

Funzione nel contesto lavorativo

Il Botanico è un laureato in Scienze Biologiche che conduce ricerche su concetti e teorie fondamentali nel campo della botanica, incrementando la conoscenza scientifica in materia e applicandola in attività di ricerca e nelle sperimentazioni di laboratorio. Studia le forme e le origini della vita vegetale, la genetica, i processi vitali, le malattie e le modalità di sviluppo e di evoluzione. Applica e rende disponibili tali conoscenze nella produzione di beni e servizi.

Competenze associate alla Funzione

Il Botanico è una figura professionale che ha acquisito conoscenze teorico-pratiche di base relativamente ai processi biologici in particolar modo in ambito vegetale. Il Botanico possiede le competenze per condurre e coordinare attività di ricerca nel campo della botanica, svolgere attività di consulenza a soggetti pubblici e privati, curare e gestire collezioni botaniche, coordinare attività di divulgazione della cultura scientifica in materia.

Sbocchi Professionali

Il Botanico può accedere a percorsi di studio di secondo ciclo (laurea magistrale coerente, Master di primo livello). Può iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, all' Albo B dell' Ordine Nazionale dei Biologi con il titolo professionale di Biologo junior, per lo svolgimento delle attività previste. I principali sbocchi occupazionali sono rappresentati da attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione in industrie, aziende sanitarie, enti di ricerca, laboratori, parchi e riserve naturali. Può trovare impiego in particolare in istituzioni preposte alla tutela di parchi e orti botanici, al monitoraggio ambientale e alla conservazione della biodiversità, alla divulgazione e informazione scientifica.

Zoologo

Funzione nel contesto lavorativo

Lo Zoologo è un laureato in Scienze Biologiche che conduce ricerche su concetti e teorie fondamentali nel campo della zoologia, incrementando la conoscenza scientifica in materia e applicandola in attività di ricerca e nelle sperimentazioni di laboratorio. Studia le forme della vita animale, le origini, la genetica, i processi vitali, le malattie e gli stessi comportamenti animali. Applica e rende disponibili tali conoscenze nella produzione di beni e servizi.

Competenze associate alla Funzione

Lo Zoologo è una figura professionale che ha acquisito conoscenze teorico-pratiche di base relativamente ai processi biologici in particolar modo in ambito animale. Lo Zoologo possiede le competenze per condurre e coordinare attività di ricerca nel campo della zoologia, svolgere attività di consulenza a soggetti pubblici e privati curare, catturare e accudire animali per finalità scientifiche, coordinare attività di divulgazione della cultura scientifica in materia.

Sbocchi Professionali

Lo Zoologo può accedere a percorsi di studio di secondo ciclo (laurea magistrale coerente, Master di primo livello). Può iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, all' Albo B dell' Ordine Nazionale dei Biologi con il titolo professionale di Biologo junior, per lo svolgimento delle attività previste. I principali sbocchi occupazionali sono rappresentati da attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione in industrie, aziende sanitarie, enti di ricerca, laboratori, parchi e riserve naturali. Può trovare impiego in particolare in istituzioni preposte alla tutela di parchi e musei, al monitoraggio ambientale e alla conservazione della biodiversità, alla divulgazione e informazione scientifica.

Ecologo

Funzione nel contesto lavorativo

L'Ecologo è un laureato in Scienze Biologiche che conduce ricerche su concetti e teorie fondamentali nel campo dell’ecologia, incrementando la conoscenza scientifica in materia e applicandola in attività di ricerca e nelle sperimentazioni di laboratorio. Studia le interrelazioni fra gli organismi viventi e i fattori ambientali e antropici che ne influenzano la sopravvivenza. Applica e rende disponibili tali conoscenze nella produzione di beni e servizi.

Competenze associate alla Funzione

L'Ecologo è una figura professionale che ha acquisito conoscenze teorico-pratiche di base per lo studio delle interrelazioni fra gli organismi viventi e i fattori ambientali che ne influenzano la sopravvivenza. L'Ecologo possiede le competenze per condurre e coordinare attività di ricerca nel campo dell'ecologia, gestire e monitorare risorse naturali e aree protette, svolgere attività di consulenza a soggetti pubblici e privati, realizzare valutazioni di impatto ambientale, coordinare attività di divulgazione della cultura scientifica in materia.

Sbocchi Professionali

L'Ecologo può accedere a percorsi di studio di secondo ciclo (laurea magistrale coerente, Master di primo livello). Può iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, all' Albo B dell' Ordine Nazionale dei Biologi con il titolo professionale di Biologo junior, per lo svolgimento delle attività previste. I principali sbocchi occupazionali sono rappresentati da attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione in industrie, aziende sanitarie, enti di ricerca, laboratori, parchi e riserve naturali. Può trovare impiego trovare impiego in particolare in istituzioni preposte alla tutela di parchi, orti botanici e musei, al monitoraggio ambientale e alla conservazione della biodiversità, alla divulgazione e informazione scientifica.

Biochimico

Funzione nel contesto lavorativo

Il Biochimico è un laureato in Scienze Biologiche che conduce ricerche su concetti e teorie fondamentali nel campo della biologia e della genetica, incrementando la conoscenza scientifica in materia e applicandola in attività di ricerca e nelle sperimentazioni di laboratorio. Studia le composizioni, le reazioni e le attività chimiche che influenzano i processi vitali, le strutture genetiche degli organismi viventi e le possibilità di modificarle. Applica e rende disponibili tali conoscenze nella produzione di beni e servizi.

Competenze associate alla Funzione

Il Biochimico è una figura professionale che ha acquisito conoscenze teorico-pratiche di base relativamente ai processi biologici a livello molecolare e sopramolecolare. Il Biochimico possiede specifiche competenze per effettuare analisi chimiche, biochimiche, microbiologiche e genetiche, svolgere attività di ricerca in ambito biomolecolare, controllare la qualità di processi e prodotti, coordinare le attività e gestire l'organizzazione di un laboratorio, validare referti e esiti di analisi, condurre ricerche in campo biologico.

Sbocchi Professionali

Il Biochimico può accedere a percorsi di studio di secondo ciclo (laurea magistrale coerente, Master di primo livello). Può iscriversi, previo superamento dell'Esame di Stato, all' Albo B dell' Ordine Nazionale dei Biologi con il titolo professionale di Biologo junior, per lo svolgimento delle attività previste. I principali sbocchi occupazionali sono rappresentati da attività professionali e tecniche in diversi ambiti di applicazione in industrie, aziende sanitarie, enti di ricerca, laboratori, parchi e riserve naturali. Può trovare impiego in particolare in strutture e istituzioni impegnate in attività produttive e servizi a livello di analisi, controllo e gestione in ambito biosanitario, industriale, alimentare.

Biologi e professioni assimilate2.3.1.1.1
Biochimici2.3.1.1.2
Botanici2.3.1.1.5
Zoologi2.3.1.1.6
Ecologi2.3.1.1.7
Ivana CAPUTO
Loredana CASO
Pierpaolo CAVALLO
Salvatore DE PASQUALE
Carla ESPOSITO
Alfonso GRASSI
Stefania PRAGLIOLA
Annunziata SORIENTE
Loredana CASO
Alfonso GRASSI
Pierpaolo CAVALLO
Anna ALFANI
Angela CICATELLI
Maria STRIANESE
Stefania PRAGLIOLA
Chiara COSTABILE
Salvatore DE PASQUALE
Elizabeth Anne ILLINGWORTH
Pia RAGNO
Annunziata SORIENTE
Carla ESPOSITO
Ivana CAPUTO
Biagio Paolino
Maria Frasca
Daniele Di Stasi
Fonte AVA-SUA
  • Ateneo